Gaia de Beaumont “Scandalosamente felice” presentazione

Dopo Scusate le ceneri e Tra breve io ti scorderò, mio caro, la biografia romanzata di Dorothy Parker la prima, di Edna St. Vincent Millay la seconda, Gaia de Beaumont  celebra Joséphine Baker (1906 – 1975) la “venere nera”, la ballerina di colore statunitense, naturalizzata francese, che nei ruggenti anni ‘20 innamorò Parigi, dove nel 1925 si esibiva al Théâtre des Champs-Elysées, oltre ad uno stuolo di scrittori, a cominciare da Simenon, e artisti che non resistevano al suo fascino di giovane donna esuberante e fresca, dalle lunghe gambe sottili che sapeva muovere con agile frenesia così come quando si esibiva giovanissima ad Harlem.

Personalità eclettica riscosse sempre maggiori successi esibendosi in vari teatri di varietà in giro per l’Europa, ma fu anche impegnata nella Resistenza e nella lotta al nazismo trasportando messaggi segreti tra le pagine degli spartiti e impegnandosi nella lotta antirazzista partecipando alla marcia della pace di Martin Luther King nel 1963.

Una vita la sua tumultuosa, anche sentimentalmente, aveva collezionato ben cinque matrimoni e vissuto amori bisex, adottato ben 12 bambini di diverse nazionalità e si era circondata di animali di ogni specie.

Dal corrente anno riposa nel Pantheon di Parigi.

Scandalosamente felice è la storia di Joséphine Baker (1906-1975), che nel racconto esatto e confidente di Gaia de Beaumont diventa il romanzo di una vita che in sé è già un romanzo, e di avventura. Nata poverissima ma con una grande passione per la danza Joséphine riesce, con peripezie degne dei bambini di Dickens, a fuggire dal mancato amore della madre e a raggiungere prima New York, poi Parigi, e soprattutto riesce a ballare[…]Con una lingua vicinissima e distante come quella di un biografo inglese, ironica e dolente, Gaia de Beaumont srotola, come un nastro dorato, la vita di Joséphine Baker, restituendo amori ed errori a un’icona che non è mai stata ferma nel tempo”.( da Marsilio Editore)

e anche

Brevi note biografiche

Gaia de Beaumont vive a Roma. Oltre a Vecchie noiose, con Marsilio ha pubblicato Scusate le ceneri (biografia romanzata di Dorothy Parker; 1993, 2019), Ghiaia (1996), Care cose (1997), Vogliamoci male (1997), La bambinona (2001), Tra breve io ti scorderò, mio caro (biografia di Edna St. Vincent Millay; 2004), I bambini beneducati (2016) e Scandalosamente felice (2021). Ha collaborato con quotidiani e settimanali e ha lavorato come sceneggiatrice e ghostwriter.( da Marsilio Autore)

Della stessa autrice su tuttatoscanalibri.com:

Vecchie noiose

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.