Junio Rinaldi “Quella lunga notte”

Quattro amici, quattro incontri, una sola verità che non si sa dire che non si sa come comunicare.  E poi un delitto nato da una gelosia sorda e fantasticata, porterà il lettore, estraniato, verso un’imprevedibile e inattesa svolta della vicenda. Interessante il procedere narrativo, non etichettabile come genere, ma estremamente efficace nel saper avvincere il lettore, dove, come si legge nella quarta di copertina “la scrittura diventa vita e la vita si fa scrittura”.

 

Vai al testo della recensione di Salvina Pizzuoli

Su IBS 8,50 euro

Annunci

Francesca Diotallevi “Dai tuoi occhi solamente” da Il Venerdì La Repubblica

Vivian Maier (1926 – 2009) raccontata da Francesca Diotallevi, in particolare gli anni ’50 vissuti dalla fotografa a New York

Vai alla recensione Francesca De Sanctis

Rachel Cusk “Resoconto” da La Lettura del Corriere recensione di Alessandra Sarchi

«Resoconto» è il primo volume di un trittico di Rachel Cusk, una scrittrice che unisce due pregi rari: la capacità di narrare la vita di tutti i giorni e quella di riflettere sulla lingua che serve per narrare quella vita.

Vai al testo dell’articolo di Alessandra Sarchi

Luca Bianchini “So che un giorno tornerai”da tuttolibri La Stampa

Quando scrivo un romanzo non ho un criterio preciso, soprattutto nel momento in cui scelgo cosa raccontare: non penso ai lettori, a cosa vorrebbero, perché credo che il modo migliore per rispettare veramente chi ti legge sia offrirgli ogni volta qualcosa che non si aspetta.

Vai al Diario di scrittura di Luca Bianchini

 

Hans Tuzzi “La vita uccide in prosa”

L’uccisione di un oscuro impiegato del Catasto dalla vita anonima e grigia, ma nel misero puzzle, raccolto con le prime indagini, un nuovo elemento scardinante, caratterizza l’assassinato, ponendolo in una prospettiva diversa… e si gusta immediatamente, anche in questo ultimo Melis, la navigata maestria di Tuzzi 

Vai alla recensione di Salvina Pizzuoli

Su Amazon in ebook 9,99 in cartaceo 14,90