I 57 candidati al Premio Strega, un articolo di Raffaella De Santis da La Repubblica

LO STREGA DEI DERBY DENTRO LE CASE EDITRICI

di Raffaella De Santis

Eccoci al cocktail Strega. con il listone degli aspiranti concorrenti: appena chiusi i termini di partecipazione, sono in tutto 57 le proposte di candidature al premio (sedici più dello scorso anno). Con un ingolfamento di titoli sotto gli stessi marchi. Einaudi aspira al podio con Marco Missiroli (Fedeltà), ma ha in campo anche un libro forte come Addio fantasmi di Nadia Terranova e la new entry Evelina Santangelo (Da un altro mondo).

Affollata Mondadori, cinque gli invitati: Mauro Corona (Nel muro), Benedetta Cibrario (Il rumore del mondo), Piero Sorrentino (Un cuore tuo malgrado), Antonio Dikele Di Stefano (Non ho mai avuto la mia età); Carmine Abate (Le rughe del sorriso).

Tre titoli per Rizzoli: Raffaella Romagnolo (Destino); Michele Vaccari (Un marito); Pier Paolo Giannubilo  (Il risolutore).

Nella galassia Segrate, i due Piemme: Carla Maria Russo

(L’acquaiola) e Emanuela E. Abbadessa (È da lì che viene la luce).

Qualche crepa allo Struzzo? Il fatto che Francesco Piccolo, autore Einaudi, sia lo sponsor di M. Il figlio del secolo (Bompiani) di Antonio Scurati è un segno.

Sarà un bel duello. Gli altri candidati Bompiani sono: Emanuele Altissimo (Luce rubata al giorno), Giulia Caminito (Un giorno verrà) e Roberto Pazzi (Verso Sant’Elena). Mentre Gems propone l’esordiente: Cristina Marconi con Città irreale, Ponte alle Grazie.

Si sta stretti anche tra gli editori indipendenti. Neri Pozza ha Francesca Diotallevi (Dai tuoi occhi solamente), Eleonora Marangoni ( Lux) e Silvio Perrella ( Io ho paura).

Ed è variopinto lo schieramento della Nave di Teseo: Roberto Cotroneo (Niente di personale), Mauro Covacich ( Di chi è questo cuore), Claudia Durastanti ( La straniera), Irene Di Caccamo ( Dio nella macchina da scrivere), Laura Pariani ( Il gioco di Santa Oca). A cui va aggiunta Chiara Ingrao in quota Baldini & Castoldi ( Migrante per sempre).

Tra le piccole novità la prima volta di DeAPlaneta Ghirghis Ramal (La colpa). C’è poi la marea dei piccoli: Fefé, Miraggi, LiberAria, Robin, Armando, Manni. E i medi: e/o (Arenaria di Paolo Teobaldi); Fandango ( Carnaio di Giulio Cavalli); Marsilio ( L’età straniera di Marina Mander); Marcos y Marcos (Ottanta rose mezz’ora) di Cristiano Cavina. È l’inizio.

Poi cadrà la mannaia del comitato direttivo, che il 17 marzo ridurrà a dodici i libri per la semifinale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.