Fabrizio Silei “Trappola per volpi” recensione di Sergio Pent da tuttolibri La Stampa

Per capire chi ha ucciso la moglie del senatore
serve un detective con il fiuto contadino

di Sergio Pent

L’etichetta di «giallo» si addice solo parzialmente al romanzo di Fabrizio Silei, Trappola per volpi. Una commedia umana ruspante e a tratti civettuola, diremmo, più in linea con le pagine lacustri di un Andrea Vitali che non con le atmosfere trucide di un Donato Carrisi. Mondi opposti, opposte realtà, in effetti. E Silei – cinquantaduenne sociologo fiorentino pluripremiato nell’ambito della narrativa per ragazzi – gioca infatti le sue carte su un versante sociale e salottiero più che sui sospetti serrati che in genere conducono il lettore a trascurare l’habitat e a dedicarsi alla soluzione. 

… continua a leggere la recensione di Sergio Pent

Vedi anche la recensione di Jeane Perego da Il Tirreno

Annunci

Catherine Poulain “Il grande marinaio” racconto di viaggio, presentazione di Martina Castagnoli

Una giovane donna francese, d’improvviso si rende conto di non essere più felice e decide di lasciare in tronco compagno, lavoro, paese e tutto quello che si aspettavano da lei (gli altri, se stessa, la società..?), per inseguire il suo desiderio di imbarcarsi su un peschereccio nei mari del nord per diventare pescatore, un mestiere rigorosamente e “necessariamente” maschile. Così inizia il viaggio di Lil, fuori e dentro di sé, nei gelidi mari dell’Alaska, alla ricerca di una vita nomade e libera, fuori dagli schemi imposti. Una prosa, asciutta, ruvida, priva di sentimentalismi, che rispecchia la condizione di esistenza/resistenza dei personaggi. Un romanzo d’avventura magnifico.
“Il grande marinaio” Catherine Poulain – Beat Edizioni – E 9,90

 

Leggi anche la presentazione di Luigi Offeddu  da Il Corriere “Leggi guarda e viaggia“:

…continua a leggere la presentazione di Luigi Offeddu

Il libro è disponibile in libreria:

 

Leggi anche la presentazione di Martina Castagnoli a:

Alberto Bile “Una Colombia. Canzone del viaggio profondo”