Claudio Piras Moreno “In fondo al mare la luna”

Claudio Piras Moreno:

“In fondo al mare la luna”

 

Sotto i raggi della luna si svolgono le vicende di due giovani in un piccolo paese di pescatori. La sua presenza o assenza non ha influenza soltanto sulle maree, sugli spostamenti dei pesci, ma sull’intero agire di quell’umanità a lei esposta. Essa è testimone silenzioso d’ogni cosa e sembra impallidire al cospetto dello sciagurato agire degli uomini. Adela, figlia di un pescatore imbarcato nel peschereccio più grande del paese, vive una vita innocente e priva di malizia e pudori. In una delle sue passeggiate notturne viene vista da Lorenzo farsi il bagno nuda in una caletta appartata. Adela diviene amica della luna e di Catalina, un’anziana del paese che ha avuto tanti figli da uomini diversi e la cui esistenza è segnata da un continuo trascinarsi nella miseria, tra abbandoni, lutti e malignità. Sempre scalza anche d’inverno, col suo parlare scurrile scandalizza l’intero paese, tranne Adela.
Nella vita della giovane è apparso Lorenzo, marinaio imbarcato sul peschereccio Mariposa. Tra loro si pongono numerosi ostacoli e incomprensioni, tra i ritmi febbrili della pesca, burrasche improvvise, la cattiveria della gente e violenze.

 

Claudio Piras Moreno

Su Amazon

Annunci

Le pagine più visitate su tuttatoscanalibri (30 Ottobre – 30 Novembre 2018)

Le pagine più visitate su tuttatoscanalibri negli ultimi 30 giorni

Homepage/Archivi
Gabriele Romagnoli “Senza fine” da La Repubblica Cultura recensione di Stefano Massini
Nadia Terranova, Ofra Amit “Bruno. Il bambino che imparò a volare” di Adriana Casalegno
Da tuttolibri La Stampa classifica dei più venduti dal 28 ottobre al 3 novembre
Tayari Jones “Un matrimonio americano”recensione di Rosella Postorino
Camilla Läckberg “Donne che non perdonano” in anteprima mondiale in Italia
Massimo Recalcati “A libro aperto” su Terza Pagina La Repubblica articolo di Stefano Bartezzaghi
Il sito di EDIDA: per i lettori e gli amanti del self-publishing.
Da La Repubblica: Maurizio Maggiani “L’amore” presentazione di Concita De Gregorio
Lucia Berlin “Sera in Paradiso” da DLa Repubblica
Primo Levi “Se questo è un uomo. Il libro primogenito” in mostra a Torino
Carlo Emilio Gadda “Quer pasticciaccio brutto de via Merulana” da Il Corriere

Robert Louis Stevenson “Il diavolo nella bottiglia” Edida, con il testo a fronte e le illustrazioni di Elena Salucco

L’ultimo arrivo nella bacheca di Edida per la “I Collana Classici di Edida”

Il testo a fronte e le illustrazioni di Elena Salucco lo impreziosiscono.

Un buon regalo natalizio, adatto dai 10 anni in su.

Su Amazon 4,35 in cartaceo, 1,75 in ebook

 

N.B: Nel testo in digitale, incompatibile con la struttura a fronte, l’opera in lingua originale è inserita in fondo.

Quando un libro ci sceglie… Brevi note di Salvina Pizzuoli a “La ragazza di Marsiglia”

Brevi note: di Salvina Pizzuoli

Quando un libro ci sceglie, dentro questa grande onda che ci sommerge quotidianamente…

Mi occupo di libri, li leggo, li scrivo, li recensisco, ne curo l’editing; un lavoro che mi appassiona e non mi stanca, anzi trovo sempre nuovi entusiasmi che nascono proprio dalla lettura, diretta e indiretta.

Tempo fa ho, su tuttatoscanalibri, riportato la recensione del romanzo – inchiesta di Maria Attanasio “La ragazza di Marsiglia”. Cosa mi abbia colpito non lo so precisare, ma ho sentito che avrei proprio dovuto leggerlo…

Ed eccomi qua ancora presa dall’appassionante ricerca che ha caratterizzato il lavoro, enorme, a monte, dell’autrice. Ne ho compreso fino in fondo le motivazioni, la spinta e la forza per non mollare di fronte alla scarsità delle fonti, fondamentali per poter “immaginare” e far rivivere i protagonisti sul nuovo palcoscenico della ricostruzione storica. Una storia vera, la storia di un uomo, un uomo importante del Risorgimento italiano e nella vita politica del neonato Regno d’Italia, e di una donna semplice e umile, ma con un carisma dettato dalle convinzioni che ne connotano le scelte e l’esistenza tutta: si incontrano per caso e si amano e condividono e lottano per gli ideali che li accomunano. E poi la frattura, e i fatti successivi, e gli avvenimenti si oscurano, le documentazioni scompaiono e il silenzio si apre tra le pieghe della Storia.

L’autrice rende giustizia alla verità, così ricercata e ritrovata, e ad una donna cancellata dalle pagine della vicenda che l’aveva resa protagonista ma che richiedevano entrambe un riscatto: e così, seguendo un filo d’Arianna, tenue e a volte reciso, l’autrice ci restituisce un quadro completo e dal punto di vista dei fatti e da quello umano, ma anche vivificando un periodo, quello risorgimentale, di nuova luce, quella che si spegne relegata all’aneddotica e al luogo comune o all’indifferenza di chi ritiene di conoscerla a fondo.

Coinvolgente, interessante, ben scritto e ben organizzato, mescola ricostruzione e documentazione perché fosse giusto non far perdere, tra le righe da romanzo, ancora una volta quella figura di donna effettivamente esistita e fosse al contrario avvalorata la sua esistenza attraverso quei fatti provati e comprovati che l’autrice perfettamente ripercorre.

Salvina Pizzuoli

Vai alla recensione di Cristina Taglietti

J.Paulo Cuenca “Ho scoperto di essere morto” da Il Venerdì La Repubblica

Una lite tra vicini e scoprire di esser morti in un verbale che certifica il decesso. E scendere nell’inferno di Rio.

Vincitore del premio Machado de Assis importante riconoscimento letterario brasiliano. Tradotto da Eloisa Del Giudice

Vai al testo della recensione di Massimo Calandri