Muriel Barbery “Una rosa sola” presentazione e con la recensione di Maria Anna Patti di CasaLettori

Muriel Barbery, autrice del romanzo L’eleganza del riccio, ritorna in libreria con un nuovo personaggio femminile, Rosa, una donna di quarant’anni, parigina, botanica, con una vita difficile sotto il profilo affettivo: non ha conosciuto il padre, un giapponese che vive a Kyoto, ed è cresciuta con una madre lontana perché chiusa nella propria tristezza. La sua vita trascorre piatta, senza entusiasmi, senza amori se non fugaci. Alla notizia della morte del padre accetta di recarsi a Kyoto per la lettura del testamento. Sarà un viaggio di trasformazione interiore complice l’atmosfera e le vie di Kyoto: grazie a Paul il segretario personale del padre nonché esecutore testamentario visiterà i templi, i vecchi quartieri, le sale da tè, i giardini perfetti, e conoscerà i rituali della cucina giapponese. E la bellezza si farà strada nel suo sentire conquistandola alla vita.

Da E/O Edizioni

Per le vie di Kyōto il viaggio intimo di una giovane donna alla ricerca di se stessa.

Con questo romanzo potente e profondo, un ritorno alla narrativa realista dopo la parentesi fantastica, un’avventura nelle travagliate metamorfosi dell’animo umano, ritroviamo con piacere l’inconfondibile voce dell’autrice dell’Eleganza del riccio.

La recensione di Maria Anna Patti di CasaLettori

E anche:

Della stessa autrice: I gatti della scrittrice