Silvia Schiavo “I cieli visti dal tempio”

Vi presento il mio romanzo di esordio, dal titolo “I cieli visti dal tempio” edizioni Effigi, uscito nel febbraio 2018 e, nel suo piccolo, già ristampato due volte.

Prima della sua uscita sono stati pubblicati alcuni miei racconti in raccolte, tramite concorsi, di lì l’ispirazione per mettermi alla prova in qualcosa di più impegnativo.

 

Come prima cosa il libro vuole essere un omaggio al luogo in cui ormai vivo da più di dieci anni, il comune di Chiusdino (Siena), ma in particolare alla bellezza e al fascino dell’Abbazia di San Galgano (il tempio, appunto), dalla quale osservare il cielo scaturisce in tutti la sensazione di essere connessi con l’infinito.

La protagonista è Anna, una giovane studentessa che, terminati gli esami a Firenze, può finalmente trascorrere l’estate nella sua amata campagna, dove l’aspettano la famiglia, la natura, le piccole cose di una realtà quotidiana che ad oggi solo nei paesi è possibile trovare: il sorriso del proprietario della bottega, la passeggiata nel bosco, le facce conosciute in piazza. Partendo dalla diatriba “campagna – città”, tramite la narrazione ho trovato anche il pretesto per discutere del contrasto esistente tra la pace respirabile ancora in alcuni contesti comunitari e quanto di brutto, purtroppo, la realtà odierna ci sbatta in faccia, spesso filtrato dai media. Anna cerca la tanto sospirata tranquillità, ma una notizia appresa dalla tv la sconvolge: il primo attentato terroristico in Italia. Dai suoi poco più che venti anni, si interroga su come porsi rispetto a un mondo in cui guerre, omicidi e quant’altro riempiono le cronache. Se avessi avuto ancora da finire il libro al momento in cui è stata proclamata vincitrice di Sanremo la canzone “Non mi avete fatto niente”, probabilmente Anna l’avrebbe ascoltata nel suo i-pod, correndo nel bosco, come le piace fare, perché esprime appieno ciò che volevo comunicare con le sue riflessioni: non bisogna isolarsi rispetto a quanto ci accade intorno, ma bisogna voler continuare a vivere credendo in un mondo buono, non facendosi ferire e cambiare da questi fatti. La campagna ad Anna offre in tal senso numerosi spunti. Un altro protagonista fondamentale è Remo Marani, un anziano dal passato misterioso, di origini bolognesi, che approdò in terre di Toscana in cerca di funghi e per la caccia al cinghiale, per poi tornarvi a vivere definitivamente, “in cerca di bellezza e pace”. Remo ha vissuto in prima persona l’attentato di Bologna del 2 agosto 1980: di lì la riflessione a proposito del fatto che il male non ha razza, religione, colore o tempo, ma è sempre e comunque male.

Durante questa estate accadranno ad Anna sia cose belle che brutte: ha lì accanto sua madre, che si preoccupa per la sua troppa maturità e gioisce ogni volta che le trova negli occhi la spensieratezza che invece dovrebbe caratterizzare sempre quell’età. Ha suo padre, dedito al lavoro nei campi, ma presente per la famiglia nei momenti decisivi, suo fratello Marco, più giovane di qualche anno e legato come lei alla sua casa e alla famiglia, e la saggia nonna Leda, personaggio tramite cui è possibile rivivere ricordi di una passata vita contadina, dove ancora “c’era da lavora’ e non si stava a fotografare tutto il giorno”.

Il finale vuole essere positivo: molti che hanno letto il libro mi hanno riferito che lascia un senso di serenità e pace, qualcuno lo ha addirittura definito terapeutico.

In copertina avevo l’idea di inserire in qualche modo “una di quelle palline di vetro con la neve dentro”, poiché durante la vicenda tale oggetto assume un valore simbolico particolare (infatti si romperà in un momento preciso…) l’addetta alla grafica della casa editrice ha così creato la pallina perfetta, con dentro il tempio!

In molti mi hanno chiesto perché “cieli” e non “cielo”: di fatto i cieli sono tanti e diversi, a seconda di chi li guarda, del momento in cui vengono guardati, dei sentimenti che si provano quando si alzano gli occhi verso l’alto.

Di seguito i link alla casa editrice e alla pagina Facebook.

http://www.cpadver-effigi.com/blog/i-cieli-visti-dal-tempio-silvia-schiavo/

https://www.facebook.com/icielivistidaltempio/

Annunci